Pagine

lunedì 21 maggio 2012

Istericostressati

Alzi la mano chi non è stato ad un battesimo, comunione, cresima, matrimonio negli ultimi 20gg!

Domenica è stato il nostro turno.

La famigliola felice ha affrontato la giornata con il solito approccio istericostressato con cui affronta qualunque spostamento fuori dalle mura domestiche.
La Prima comunione della più cara amica di Cucciolo:
"Mamma, sono emozionata"
"Amore, hai tutta la mia comprensione..MA QUESTO NON TI AUTORIZZA AD ESSERE ANCORA IN PIGIAMA!..amore, cara, dobbiamo uscire fra mezz'ora, per favore, vai a prepararti".

Brontolo, invece, era sveglia già dalle otto:
"Mamma, devo alzarmi?"
"Non, subito, dormi ancora un po', ti chiamerò io quando sarà ora"
"Ma io non ho più sonno, facciamo le prove della treccia?"
Brontolo odia le gonne, indossa solo pantaloni e porta i capelli molto corti. Ogni tanto riemerge il suo lato femminile e così, dalla sera alla mattina, si fa prendere dalla voglia di capelli lunghi. Purtroppo, però, nonostante il mio ruolo di mamma full time preveda anche poteri speciali, non ho ancora acquisito quello di far crescere i capelli e così le ho comprato una treccia posticcia!

"LA TRECCIA? ADESSO?..per favore, tesoro, dammi il tempo di prepararmi, poi ti aiuterò con la tua bella treccia, OK?"
Pisolo intanto, efficientissimo, aveva già fatto tutti i letti e aspettava un nuovo ordine:
"Poi ti domandi da chi hanno preso le tue figlie! Guarda che casino. QUI L'UNICO ORDINATO SONO IO!"

Alle 10:30 la famiglia è entrata nella chiesa gremita di gente, dove 70 bambini e relativi familiari aspettavano pronti che si celebrasse il rito. Cucciolo e Brontolo sono riuscite a scivolare tra la folla e a raggiungere un punto da cui si potesse vedere bene tutta la scena.

"E adesso di chi sarebbero queste bambine?"
"..."
"Siamo venuti qui presto per prendere posto nelle prime file e tutti voi arrivate con calma, in ritardo e vi piazzate davanti!?"
"..." (forse la signora non si è accorta che siamo stretti come sardine in scatola, crede di essere al cinema?)
Qualcun altro le ha risposto:
"Cara signora, io arrivo da Modena. Ha presente? MODENA! Stanotte c'è stato il terremoto, abbiamo dormito in macchina e siamo partiti alle 3 del mattino per arrivare qui adesso".
Intanto qualcuno sveniva e arrivava l'ambulanza che lo portava via; qualcun altro stava male e veniva soccorso dai vicini di sedia.
La signora arcistericostressata continuava ad inveire finchè stizzita ha sollevato la sedia sopra la testa e a forza di spallate si è fatta largo tra la folla, fermandosi direttamente accanto ai catechisti, con buona pace di tutti i presenti.

"Mamma, la cerimonia è stata un po' lunga, a dir la verità, non molto divertente ma l'hai vista quella signora isterica che ha litigato con tutti?"
"Si, purtroppo"
"per tenerla a bada, i catechisti, hanno creato una barriera con le loro sedie e sono rimasti in piedi fino alla fine della messa!"






Nessun commento:

Posta un commento