Pagine

venerdì 18 maggio 2012

L'uscita didattica




Per i bambini, come per i genitori, ogni gita è un miscuglio di emozioni.
"Mamma, mi raccomando, svegliami presto. Non fare come quella volta all'asilo"
"Quale volta?"
"Quella volta che siamo arrivate in ritardo e il pullman stava per partire. Ho dovuto viaggiare seduta accanto ad un bambino di un'altra classe"
"Dici? Sai che non me ne ricordo?"
"Fidati, mi ricordo io!"

 Eccola lì la mia memoria latitante. Per capirci; tornata a casa dalla clinica dopo la nascita di Cucciolo la prima frase di mia madre è stata:
"Adesso comincia il bello"
e la seconda
"Posso stare tranquilla? Non dimenticherai la bambina da qualche parte, vero?"
A proposito è appena uscito un libro interessante sulle tecniche di memoria "Genio in 21 giorni", è già sul mio comodino..la buona volontà c'è..

Così, stamattina, mentre la mia piccola Brontolo saliva sul pullman emozionata e rigorosamente puntuale, io pensavo (avrò messo tutto nello zaino? l'acqua basterà? nel cielo non ci sono nuvole, è previsto bel tempo, altrimenti pensa che sfortuna, troveranno traffico? quasi quasi chiedo il numero di cel alla maestra, meglio di no penserà che sono una fissata..)
"Mamma, devo andare, lasciami"
"Si, tesoro, divertiti"

Nessun commento:

Posta un commento