Pagine

sabato 16 giugno 2012

Siamo arrivati

Ore 16:00 destinazione raggiunta.

Manchiamo da un anno, ci guardiamo intorno per vedere se tutto è rimasto com'era.
Nonnarassegnazione ama circondarsi di colori e oggetti originali.
Le fotografie della famiglia in portafoto di legno decorati con coccinelle e fiorellini sono ovunque, sui muri e sui mobili.
Lo sguardo, attraverso la finestra aperta, arriva fino al balcone, è un esplosione di verde e fiori di tutti i colori.
Gelsomino, malvarosa, camelia, ciclamini, alcune piante grasse pendono in piccoli cestini, il profumo del basilico pervade l'aria.

"Nonna che hai preparato per cena?"
"Non volete la pizza!?"
"Siii. In nessun'altra città si mangia una pizza così buona!"

Questa casa è anche il laboratorio degli esperimenti di nonno Archimede.
Deve aver lavorato sodo perchè ci sono molte novità.

Un anno fa stava progettando un impianto solare.
Dal balcone della sala alcuni fili correvano lungo la parete fino al contatore della corrente elettrica. I pannelli erano appoggiati sullo stendibiancheria ed era usuale sentire nonna dire:
"Caro, potresti liberare il balcone, dovrei stendere!"

Quei fili non si vedono più, i pannelli sono agganciati alla ringhiera e l'impianto funziona perfettamente.

i pannelli di nonno Archimede

Una cosa però non è cambiata.
Nonno si è divertito a giocare con l'illuminazione di questa casa.
Ogni interruttorre accende più punti luce, a seconda di quante volte viene premuto.
Adesso mettetevi nel disimpegno tra le camere, il bagno e la zona giorno.
Premete una volta, si accenderà una lampadina dell'applique, due volte, si accenderà anche l'altra, tre volte, accenderete il lampadario in una camera, quattro volte, accenderete solo la lampada sul comò.
Provate l'altro interruttore, uno, si accenderà la luce in bangno, due, il lampadario dell'altra camera, tre la luce in sala...

Siete stanchi, fa caldo e tutto questo armeggiare con gli interruttori vi ha fatto venire voglia di una doccia.
"Mamma?! Perchè l'acqua è così fredda?"
"Aspetta un attimo,  devo accendere la caldaia, tuo padre l'ha collegata alla lavatrice, solo che io dovevo lavare i panni scuri e l'ho spenta"

Nessun commento:

Posta un commento