Pagine

venerdì 20 luglio 2012

Come in viaggio di nozze

Approfittando dell'assenza delle creature, Mammacanta e Pisolo vanno a trascorrere qualche giorno in un albego-riposoepasseggiate, in Alto Adige.
4 notti 5 giorni.
Mammacanta ha messo in valigia tutto quello che potrebbe servirle, vuole essere carina per il suo Pisolo:
5 cambi, per le passeggiate,
5 abiti, per la sera,
5 costumi, per la piscina,
il jeans, nel caso piovesse,
2 pantaloni lunghi, per le serate fresche,
1 paio di scarpe da trekking,
1 paio di scarpe con il tacco,
1 paio di sandali bassi e comodi,
1 paio di infradito,
smalto, rossetto e tutto il nevessario per il restauro.
Si consola pensando che, se dovesse mancare qualcosa, potra`  comprarla li`.
Anche la valigia di Pisolo e` pronta:
1 pantalone corto, lo stesso che usera` per il viaggio,
1 pantalone lungo, buono per tutte le sere,
5 t-shirt,
1 costume,
1 paio di scarpe da trekking
le scarpe da tennis piu malconcie che possiede, quelle nuove le conserva,
1 paio di infradito.
L'uomo che non deve chiedere mai, non ha bisogno di fronzoli.
Partenza prevista ore 10.
Pisolo si apposta nervoso davanti alla porta.
"Aspetta ancora un attimo, prendo una sciarpetta, lo sai, devo proteggere la gola dall' aria condizionata"
"Ti pareva, tu lo fai apposta per farmi incazzare, di' la verita`!"
Mammacanta sorride divertita e si dirige verso la macchina.
Che strano silenzio, non si sente Cucciolo ruminare la travel gum, ne`Brontolo russare. Stanno aspettando questo giorno da mesi eppure non riescono a sentirsi totalmente appagati.
Arrivano a Bolzano: impossibile non notare la gigantesca sagoma di cartone all'ingresso della citta`.
E` Otzi, l'uomo scongelato.
Mammacanta e`elettrizzata.
"Andiamo a vederlo? Deve essere spaventoso!"
"No, il cadavere lo lascio per la prossima volta, adesso preferisco visitare la citta`".
3 ore di gita turistica, piedi doloranti e faccia arrossata per il troppo sole, Mammacanta rivolge a Pisolo un'occhiata pietosa, Pisolo risponde commosso e si decide a condurla alla meta.

Nessun commento:

Posta un commento