Pagine

giovedì 6 settembre 2012

Il rito cinese

Mammacanta e`una donna del sud.
E`cresciuta mangiando la pasta fatta in casa di NonnoArchimede e le torte di Nonnarassegnazione, e`abituata al profumo del ragu`della domenica, adora le albicocche del Vesuvio e le uova delle galline di Vincenzo che razzolano libere e che, se vuoi fare il brodo, le devi acchiappare.
La prima volta che e`venuta a trovare Pisolo a Milano, lui ebbe la brillante idea di portarla a cena in uno dei ristoranti cinesi piu`famosi della citta`.
Mammacanta assaggio`tutto con la predisposizione di chi vuole far felice una persona cara ma finse spudoratamente quando disse:
 "Che buono, non me lo aspettavo!".
Fu una grande dimostrazione d'amore durante il pasto e un gran mal di stomaco durante la notte.
Negli anni seguenti sono andati molte volte a mangiare 'cinese'.
Hanno cercato un posto dove lo cucinassero meglio e, in effetti, tra il cibo spazzatura di McDonald's, la pizza frisbee egiziana e il kebab, e`il meno peggio.
Fatto sta che ormai e`diventato un rito propiziatorio: l'anniversario si festeggia al ristorante cinese.
Le due birbe partecipano volentieri, ormai sono abituate e rassegnate.

Ieri mattina Mammacanta e Pisolo si scambivano gli auguri e si davano appuntamento alle 19.30 per il rito.
"Dovrei farcela, lo sciopero dei mezzi pubblici terminera`alle 17 ma probabilmente il primo treno arrivera`alle 18".
Alle 17.30 pioveva a dirotto,
alle 18 Brontolo si faceva male ad un piede, tanto da non poterlo appoggiare a terra, Mammadottoressa cospargeva l'alluce di pomata all'arnica e lo copriva con del ghiaccio,
alle 19 con fatica, Mammacanta infilava a Brontolo un paio di jeans e i calzini,
alle 19.30 Pisolo telefonava dicendo che avrebbe ritardato e Mammarassegnata accendeva la tv,
alle 20.30 lo sposo arrivava, baciava la sposa, abbracciava le birbe, caricava in spalla Brontolo con una scarpa si e una scarpa no e conduceva la famiglia felice verso il suo destino.

4 commenti:

  1. Riso alla cantonese, pollo alle mandorle, farcito di felicità? Buon anniversario, cara.
    Quando mangio cinese sto male tre giorni, ma la banana fritta ha un suo perchè.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io adoro il pane al vapore e i ravioli ma non ho mai assaggiato la banana fritta. adesso sono curiosa..

      Elimina
  2. Anch'io non resisto al cinese, nonostante la gastrite. E poi adoro i ninnoli che ti regalano a fine pasto. Così, oltre all'odore di involtini primavera, ti porti a casa un ricordo della serata.
    Auguri Mammacanta :-)

    Plasson00

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie. scopro che abbiamo in comune sia i ninnoli che la gastrite!

      Elimina