Pagine

martedì 30 ottobre 2012

Tentativo temerario

Mammacanta ha scoperto la presenza di una scuola per parrucchieri, a pochi passi da casa sua.
Un posto dove i ragazzi hanno bisogno di fare pratica e, in cambio di clienti impavide, sono disposti a lavorare quasi gratis.
Non serve prenotare, basta presentarsi entro le 15, dal lunedi`al venerdi`.

Primo piano, in fondo, a sinistra.
Mammacanta e Zia Clara varcano la soglia.
Davanti ai loro occhi ci sono una decina di ragazzi timidi ed impacciati.
C'e`quello che si nasconde dietro un ciuffo lungo e unto; quella che ha dei capelli stupendi, che pero` non sono suoi, sono incollati; quella dark con il viso pallido, lo smalto nero e la bocca violacea.
Al soffitto, le stesse lampade al neon che illuminavano il banco del liceo, dove Mammacanta ha trascorso l'adolescenza.
In un angolo, un armadio pieno di teste e parrucche.
Finalmente arriva il momento dello shampoo, segue il bagno di colore ed infine la piega, su una poltrona tipo da sala meeting, col tavolino ribaltabile a fianco, che Mammacanta usa per aggrapparsi mentre la studentessa inesperta tenta di strappale i capelli dal bulbo.
Mammacanta finge indifferenza al dolore, poi comincia a tenersi il collo, poi le scappa un gemito.
Alterna occhiate doloranti, verso Zia Clara, ad occhiate alla sua testa, ancora mezza bagnata, e fa il conto dei minuti che mancano alla fine della tortura.
L'allieva e`tenace, merita comprensione.
Inaspettatamente, al termine del trattamento, le clienti sono entrambe soddisfatte.
Tornano a casa con una piega perfetta, l'aria compiaciuta, un sorriso bonario e qualche macchia di colore sulle orecchie.

2 commenti:

  1. Che coraggio. Impavida che sei. Brava te e la parrucchiera in erba.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cioe`ci commentiamo simultaneamente? questa e`telepatia telematica!

      Elimina