Pagine

venerdì 28 dicembre 2012

La pratica degli avanzi

25 dicembre
"Nonna, che profumino. Cosa ci hai preparato per pranzo?"
"Molte cose buone che dopo potrete portare a casa vostra ed anche il vitello tonnato che vi piace tanto"
"Mmm. Mettiamoci subito a tavola".
Otto ore dopo.
"Mamma, restiamo qui anche a cena?"
"Si`. La tradizione prevede di finire gli avanzi; c'e`ancora del vitello tonnato, se lo vuoi"

26 dicembre
Ora di pranzo.
La famiglia si appresta a mangiare brodino, frutta e vitello tonnato.
A cena:
pane casareccio, un salame, una mousse di prosciutto cotto, un po'di insalata russa, e in un angolo, in un contenitore di carta argentata, ancora lui, il vitello tonnato.

27 dicembre ore 14.00, la famiglia felice e`miracolosamente sopravvissuta dopo aver consumato l'ultimo boccone dell'innominabile pietanza.
Dal frigorifero fanno ancora capolino:
la caponata, l'arrosto al vino rosso, l'altra mousse di prosciutto cotto,  una scarola, almeno mezzo chilo di formaggi, una confezione di salmone affumicato e quindici polpette previdentemente congelate.

2 commenti:

  1. Da noi succede la stessa cosa con le lenticchie. Avanzano fino a ferragosto. Ma farle meno, no, eh?
    Baci, cara.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti propongo uno scambio. cedo porzioni di vitello tonnato in cambio di cucchiaiate di lenticchie...

      Elimina