Pagine

mercoledì 23 gennaio 2013

Dialogo tra la pancia e la ragione

E`una costante, un incubo ricorrente, un pensiero assopito che periodicamente torna alla ribalta stuzzicato dagli eventi.
Un dubbio immotivato, un timore insensato che da il via ad un ridicolo dialogo tra la pancia e la ragione.

"Qui e`tutto un ribollire. Ti rendi conto di quante colleghe simpatiche, libere e disponibili ha?"
"Calmati. Lui ama me, le altre donne non gli interessano"
"Come fai ad esserne cosi`sicura?"
"Lo so e basta"
"Meglio non fidarsi. In quello stabile lavorano centinaia di donne e sappiamo bene come sono gli uomini"
"Non esagerare. E poi lui non lo farebbe mai"
"Insomma, devi fare qualcosa!"
"Non vorrai mica che mi metta a pedinarlo!?"
"Figurati! Tu sei un'imbranata, ti scoprirebbe subito"
"Dammi retta, calmati. Io mi fido"
"Si`certo, tu stai qui tranquilla a fare la casalinga innamorata, mentre lui dice che va in ufficio e poi chi lo sa se ci va veramente"
"Guarda, facciamo cosi`, chiediamoglielo"

Pisolo torna a casa.
"Che succede? Sei arrabbiato? Sei entrato senza nemmeno salutare"
"Eccomi, sono a tua disposizione. Come e`andata la giornata?"
"Solite cose e tu? Hai qualche segreto da confessarmi?"
"Lo sapevo. Ero qui che t'aspettavo"
"Rispondi alla domanda allora"
"Ti rispondo subito: prima di tutto, io amo te e le mie figlie e non farei mai nulla che possa farvi soffrire .
E poi, sai, dicono che con il tempo il matrimonio diventa noioso, beh per me non e`cosi`, piu`ne passa piu`mi convinco di aver fatto la scelta giusta; non avrei potuto essere piu`felice"

"Hai sentito? Te l'avevo detto, sei la solita malpensante"
"Si`si`, questa volta ci e`andata bene, ma io non abbasso la guardia"
"Senti, adesso basta con questa paranoia, altrimenti mi rovini il blog!"




1 commento:

  1. ma dove la trova una più in gamba di te? basta brutti pensieri....
    Raffaella

    RispondiElimina