Pagine

mercoledì 9 gennaio 2013

Tu ed Io

Non smetto mai di riflettere sulle cose che ci accadono e sulle parole che ti sento dire.
Le unisco come pezzi di puzzle finché non combaciano tutte.
E' così che faccio da anni ed è così che mi assicuro che la nostra vita insieme proceda senza intoppi.
Sono un'aggiusta puzzle.
Però non è un lavoro facile.
A volte ci vuole tempo, altre serve fiducia, altre coraggio, altre, come adesso, pazienza.
Ecco, la pazienza che non è proprio una tua dote e nemmeno una mia, così ci tocca scontrarsi, pentirsi e far pace.
Ma noi siamo sempre noi, con pregi e difetti che conosciamo bene, che sappiamo sfruttare e tollerare, che dopo diciotto anni sono diventati una certezza, un'ancora, un caposaldo.
Ed è pur vero che le esperienze fatte insieme ci uniscono, ma allo stesso tempo tolgono il gusto di raccontarci.
Sì, lo so, tu sei uno di poche parole.
Non è alle chiacchiere che mi riferisco piuttosto all'aria ottimista e disincantata di chi ha ancora un mondo da costruire.

Noi siamo quelli che si sono sposati giovani, prima di tutti gli amici;
quelli che per comprarsi la casa dei sogni pagheranno il mutuo fino alla pensione;
quelli che hanno aspettato cinque anni prima di avere un figlio, e col senno di poi, possono dire di aver fatto la scelta giusta;
quelli che hanno due bambine sane e bellissime;
quelli che "tu non mi fai mancare nulla ed io devo ricordarti che siamo felici".


2 commenti:

  1. anche io sono una che deve sempre mettere insieme i pezzi del puzzle... una fatica e a volte lo confesso mi piacerebbe agire più d'istinto... ma non ci riesco mai:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gia`, noi donbe drizziamo le antenne per prime e abbiamo una ricezione a 360 gradi. Sara`lo spirito di conservazione?

      Elimina