Pagine

giovedì 18 luglio 2013

Il giorno dei giorni

Il posto in cui avrebbero trascorso i sospirati giorni senza birbe lo avevano scelto con molta cura.

Lui, trasportato dall'animo ecologista e paladino della natura, aveva proposto un bio-hotel.
"E` costruito interamente in legno, privo di giunzioni con chiodi e colle, circondato da campi coltivati secondo i principi dell'agricoltura biologica, capisci?" aveva detto.
Lei, poco sensibile ai progressi dell'edilizia ecologica, ma molto piu`propensa al parossismo dei sensi, aveva scosso la testa e sentenziato tutto d'un fiato: "Si`, bello, ma che ne dici di questo? 1300mq di area benessere, alpine bio sauna, bagno turco ai cristalli di montagna, idromassaggio, vitarium, doccia di ghiaccio, doccia emozionale, doccia a pioggia, vasca a kneipp e sala relax?".
Inutile dire che la scelta era caduta sulla seconda opzione.

Nel giorno dei giorni, i due hanno varcato la soglia dell'albergo,
lei con una valigia 4x4 al seguito,
lui con un borsone in spalla,
lei assalita da incontenibile euforia,
lui mostrando un sobrio entusiasmo,
lei pregustando abbondanti colazioni,
lui progettando passeggiate tra i monti.

Quattro giorni di liberta`sfrenata,
quattro giorni per dormire di un sonno inesauribile,
quattro giorni senza telefono ne`connessione a internet,
quattro giorni di inutili tentativi di comunicare con le creature.
Quatto giorni e basta.
Poi sono tornati a casa.


Nessun commento:

Posta un commento