Pagine

venerdì 12 luglio 2013

Particolari

"Sai, quest'anno ci tocca rinunciare alla settimana al mare, dalle mie parti si dice 'la papera non galleggia'. Abbiamo dovuto scegliere e la maggioranza ha preferito la montagna"
"Caspita, per me, senza mare non sono vacanze"
"Eh. Lo dici ad una che e`nata a Napoli, che lo ha sempre dato per scontato e adesso ne sente la mancanza"
"Facciamo cosi`, venite a casa mia, a Zuccarello, tu e le bambine, staremo un po' strette ma ci divertiremo. Il mare te lo faccio vedere io!"

E cosi`, Mammacanta, la preadolescente e la birba piccola si sono ritrovate in un borgo medioevale, a mezz'ora dal mare, in compagnia dell'amica amante della buona cucina e di sua figlia.

All'arrivo sono entrate in una casa con le finestre verdi,
il pavimento in legno di rovere sbiancato e
le pareti del colore del mare.
Era quasi ora di pranzo,
sul fornello friggevano le alici,
nella pentola bolliva l'acqua per la pasta,
in padella c'erano gamberetti e zucchine per condirla e
in frigorifero torta e gelato.
La tavola era apparecchiata in giardino e
i padroni di casa aspettavano impazienti.
Con la scusa dello iodio che stimola il metabolismo, si e`mangiato e bevuto a volonta`,
sotto l'influenza del vino si sono fatti mirabolanti progetti per il futuro,
e poi, all'imbrunire, gli uomini sono tornati a casa e le donne hanno dato il via ad una vacanza tutta al femminile.
Una vacanza fatta di tuffi e bikini,
sabbia e telline,
di shopping e jumpy jumping,
vino e risate,
di cantate con echi di montagna e cene alla Gritta.
Una vacanza che si e`conclusa con un:
" Siamo state proprio bene, magari l'anno prossimo ne facciamo un'altra".


Nessun commento:

Posta un commento